Covid 19, interventi a sostegno dello smart working

Covid 19, interventi a sostegno dello smart working

E’ stata avviata la misura della Regione Piemonte n. 13/2020 “Emergenza Covid-19 - Interventi regionali a sostegno del lavoro agile o smart working” per  favorire e sostenere lo sviluppo, il potenziamento e la qualificazione del lavoro agile o smart working negli Enti pubblici e nelle imprese, nonché le forme di welfare aziendale finalizzate alla conciliazione tra vita professionale e vita lavorativa e flessibilità organizzativa.

Soggetti interessati

Il bando è destinato a Micro, Piccole e Medie Imprese (MPMI) attive, aventi sede operativa in Piemonte e rientranti in uno dei settori ammissibili ai sensi del Regolamento (UE) n. 1407/2013 “de minimis”, regime a cui è assoggettata la misura.

Importo del contributo

L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto per un massimo del 40% del costo dell’intervento, contributo che non potrà comunque essere superiore a €.40.000,00.

Interventi oggetto di contributo

Gli interventi ammissibili riguardano l’acquisto di hardware e software e/o personalizzazione di applicazioni e integrazione con altri sistemi informativi aziendali, l’attivazione o adeguamento di impianti tecnici e dei locali necessari per l'esercizio dell'attività in smart working, nonchè costi esterni di formazione professionale e manageriale per dipendenti, amministratori e soci, strettamente funzionali all’esercizio dell’attività in smart working.

Le spese, da sostenere tra la data di presentazione della domanda e quella di conclusione del progetto, ma comunque entro 12 mesi dalla data di concessione dell’agevolazione, sono quindi riconducibili a:

•            spese per acquisto di notebook, tablet e altri device, purché finalizzati al lavoro a distanza;

•            spese per l’acquisto di tecnologie e servizi;

•            spese per acquisto e installazione VPN, VoiP, sistemi di backup/ripristino dei dati sicurezza di rete;

•            spese per software per servizi all’utenza (es. siti web, app, integrazioni con provider, servizi di pagamento, piattaforme di e-commerce e sistemi di delivery);

•            spese per acquisto di strumentazione e servizi per la connettività (es. smartphone, modem e router Wi-Fi, switch, antenne);

•            spese per acquisto di servizi di formazione professionale e manageriale.

Non sono ammissibili a contributo spese in cloud/noleggi/abbonamenti; beni usati; IVA e ogni altra imposta o tributo, fatti salvi i casi in cui l’IVA risulti indetraibile per l’impresa; pagamenti in  contanti, anche parziali.

L’impresa beneficiaria dovrà terminare le spese non oltre 12 mesi dalla data di concessione del contributo: entro i 30 giorni successivi alla data di conclusione, dovrà quindi trasmettere a Finpiemonte S.p.A., Ente gestore della misura  il rendiconto delle spese sostenute ai fini dell’ottenimento del contributo concesso.

Presentazione domande

La procedura di presentazione delle domande, soggette a imposta di bollo, è qualificabile “a sportello” e l’apertura della misura è prevista dalle ore 9.00 del giorno 24 maggio 2021 e fino ad esaurimento delle risorse disponibili.
L'upload e il contestuale invio della domanda su piattaforma FinDom, dovrà contenere la firma digitale del legale rappresentante, unitamente a tutta la documentazione obbligatoria.

Informativa Cookie

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie tecnici e di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Proseguendo la navigazione del sito acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni leggi l'informativa estesa sull’uso dei cookie.

Formazione

InforCoop ECIPA

Settori

Servizio Civile